Comitato per la Salvaguardia dell'Arte delle Perle di Vetro Veneziane


L'arte delle Perle di Vetro è stata iscritta nel patrimonio culturale immateriale dell'Umanità!!!


Nel 2017, il Comitato per la Salvaguardia dell'Arte delle Perle di Vetro Veneziane ha iniziato, insieme all'associazione francese dei Perliers d'Art de France, l'appassionante percorso per iscrivere l'Arte delle Perle di Vetro nella Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità UNESCO

Nel marzo 2019, conclusi i lavori, Italia e Francia hanno depositato il dossier di candidatura internazionale dal titolo "L'Art de la Perle de Verre" presso UNESCO - Parigi

Siamo entusiasti di annunciarvi che, il 17 dicembre 2020, questa iscrizione è stata confermata !

L'Arte delle Perle di Vetro fa ora parte del Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità ! 💗

Questo riconoscimento è il punto di partenza per sensibilizzare sempre più sull'importanza di questo patrimonio culturale e sulla necessità di salvaguardarlo trasmettendo i saperi alle giovani generazioni.

💎

Benvenuti sul sito del Comitato per la Salvaguardia dell'Arte delle Perle di Vetro Veneziane!

Questo è il sito della Comunità di Perlere, Perleri, Impiraresse, Infilatori, Molatori e Maestri d'Arte Veneziani

E' grazie a loro, alla loro passione, alla loro volontà di salvaguardare e veder riconosciuta quest'arte che, dopo un lungo lavoro, nel marzo 2019, è stato depositato presso UNESCO - Parigi, congiuntamente con la Francia, il dossier internazionale di candidatura dell'arte delle perle di vetro per l'iscrizione alla Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale UNESCO

Tutta la Comunità è entusiasta di annunciare che l'Arte delle Perle di Vetro, dal 17 dicembre 2020, è Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità!

Un ringraziamento a tutte le persone, enti, organizzazioni e istituzioni che ci hanno seguito e appoggiato.

Un ringraziamento particolare all'Ufficio UNESCO - Roma per aver coordinato i lavori.

💗

MARZO 2019 DOSSIER DEPOSITATO! IL PERCORSO DI CANDIDATURA

Nell'ottobre 2013, motivata dalla volontà di veder riconosciuta la sua Arte, la Comunità dei perleri veneziani ha dato vita al Comitato per la Salvaguardia dell'Arte delle Perle di Vetro Veneziane. Lo stesso anno sono stati avviati i primi contatti con UNESCO - Roma per iniziare il percorso di candidatura alla Lista Rappresentativa del Patrimonio Culturale Immateriale dell'Umanità

Considerati i legami, gli scambi e la condivisione dei saperi tra la Comunità Veneziana rappresentata dal Comitato e la Comunità Francese dei Perliers d'Art de France, le due Comunità hanno pensato di produrre una candidatura congiunta internazionale

Nell'ottobre 2017, durante un incontro con la Commissione Nazionale UNESCO - Roma presso il Ministero degli Esteri, la Comunità dei perleri Veneziani, tramite i rappresentanti del Comitato per la Salvaguardia dell'Arte delle Perle di Vetro Veneziane ha presentato domanda formale per procedere ad una candidatura congiunta con la Comunità Francese. La domanda, accolta con favore dalla Commissione, è stata protocollata e i lavori sono iniziati ufficialmente

Nel febbraio 2018, per seguire l'istruttoria italiana del dossier di candidatura, viene istituito un Comitato di Pilotaggio composto da: Eliana Argine (antropologa), Claudia Cottica (antropologa), Maria Teresa Sega (memoria e trasmissione del sapere), Luisa Conventi (impiraressa), Cristina Bedin (coordinatrice), Cristina Sfriso (perlera), Muriel Balensi (perlera), Marisa Convento (impiraressa)

Molteplici sono stati gli incontri internazionali delle Comitati di Pilotaggio Veneziano e Francese e i funzionari degli Uffici Unesco di Roma (Dott.ssa Luisa Montevecchi e Dott.ssa Elena Sinibaldi) e Parigi (Mme Isabelle Chave) durante i quali sono stati discussi e concordati tutti i vari aspetti del dossier congiunto

Le due Comunità hanno inoltre realizzato un video, girato tra Venezia e la Francia, dal titolo "L'Art de la Perle de Verre"

https://www.youtube.com/watch?v=6BwcUVYAPsg

Nel marzo 2019, il dossier completo, firmato dagli ambasciatori, è stato depositato presso UNESCO - Parigi.

È successivamente iniziata una fase di pre-valutazione, seguita da una fase di valutazione conclusasi nel novembre 2020.

Il risultato è atteso nella seconda metà di dicembre 2020.

Durante tutta la loro durata, i lavori sono stati coordinati dall'Ufficio UNESCO del Ministero per i Beni e le Attività Culturali - Roma.